Acquacheta / Milano

via Erodoto, 2 viale Monza Milano 20126
+390225713980
€€€
Opening Hours
Sun 11:00 - 15:00
Sun, Tue, Wed, Thu, Fri, Sat 19:00 - 01:00
Tue, Wed, Thu, Fri 12:00 - 15:00
# 858 of 3903 Restaurants in Milan
average 780 votes
3.2
Tips from the Net @ Acquacheta
miky Gr it
Molto carino, ambientazione in giardino con struttura in legno stile malga. Un forno bello grande per grigliare la carne, l'estate fa un po troppo caldo, non c'e aria condizionata nella struttuta esterna ma il personale e' sempre pronto a risolverti qualsiasi problema. GooglePlace - June 2017
Viviana Mondi it
Offre menu vario e di buona qualità. Buono il rapporto tra qualità e prezzo. Meglio prenotare prima. Acqua servita a volontà senza supplemento di prezzo, pane servito in sacchetti di carta, buona la carne grigliata, dolci nella media. Consigliato. GooglePlace - June 2017
Alberto Ferraris it
Una locanda graziosa nella prima periferia di Milano, buona la carne alla brace, interessanti alcuni piatti del resto del menù. Location Nicolò a che fa sentire lontani dalla frenesia della città. Buona idea l'angolo giochi per bimbi. GooglePlace - June 2017
Stefano . it
Ottima la carne e in particolare la Fiorentina. Foursquare - April 2017
Simone Todaro it
"è tannico e sa proprio di vino francese! " Eh già, la classe non è acqua, ma a quanto pare nemmeno vino purtroppo per l'inconsapevolmente simpatico intenditore che ha deciso di farci pagare una bottiglia di vino francese, uno chateau pey la tour che evidentemente aveva serissimi problemi e che ovviamente non abbiamo toccato. Gentilissimo signor gestore del ristorante, se in effetti il suo ruolo è quello, le svelo "o segreto 'e pulecenella", ogni vino rosso è tannico - eh si proprio così, dovrebbe sapere che i tannini sono numerosi nelle bucce delle uve scure e praticamente assenti in quelle bianche - e già qui la mi fa cascare o ciuccio caro mio! sulla seconda parte della sua affermazione poi scatta l'applauso del pubblico! mi spiegherebbe per cortesia che vuol dire "sa proprio di vino francese?" un po' come dire sa proprio di vino italiano, ma dai, allora lo bevo di sicuro, deve proprio essere buono! Più che un sommelier un sommergibile che si inabissa direi! :-D Dopo trent'anni che assaggia vini dovrebbe sapere che la giusta quantità di tannini, che come abbiamo svelato all'inizio tutti i vini rossi contengono, da al vino la capacità di asciugare la cavità orale, di allappare la lingua e la bottiglia che ci ha messo in conto al limite avrebbe potuto far allappare le terga di un lemure, non certo le nostre bocche! Ora, il problema di fondo è che indipendentemente dalle capacità enoiche più o meno spiccate da lei messe in campo temo che abbia mancato proprio nell'aspetto più delicato, la gestione della situazione in modo onorevole. Che cosa c'entra, le chiedo, aver assaggiato lei stesso il vino, averlo trovato buono e per questo averlo messo in conto senza neanche degnarsi di venire al tavolo a discutere la questione con noi? Cosa c'entra, ancora, essersi stizzito del fatto che le abbiamo contestato la sua affermazione che quel vino era bevibile e per tale motivo aver iniziato una sceneggiata da avanspettacolo dicendo appunto che lei assaggia vini da trent'anni (beh, magari tra altri trent'anni ripassiamo, forse qualche assaggio in più male non ci fa) che probabilmente noi siamo abituati a bere tavernello, che non le è mai capitato che un cliente le rimandasse indietro una bottiglia (sicuramente) ed altre cose molto simpatiche che non hanno fatto altro che farci sorridere e capire che al peggio non c'è mai fine? Diciamo che nonostante le pietanze non fossero cattive, tutt'altro, lei ha sicuramente perso quattro clienti e se fa un po' di conti capirà che per non aver voluto perdere il guadagno legato alla vendita di quella bottiglia (listino vostro circa 40 euro, prezzo al pubblico circa 15 euro nel primo shop online trovato, quindi azzardiamo un costo a lei di circa 5/7 euro a bottiglia) ha perso parecchi euro in più oltre a credibilità. Non ho molto da aggiungere se non che la devo ringraziare perché la sua scenetta finale ha donato quel certo non so che alla serata, diciamo che lei è riuscito a rendere molto tannica la cena! :-D Libiamo nei lieti calici signor mio, ma il vino lo portiamo noi, è meglio! GooglePlace - March 2017